Il Terra Institute ha sede a Bressanone, provincia di Bolzano. Non deve stupire che un’iniziativa del genere venga dall’Alto Adige. Ma cosa è “l’economia del bene comune”? E’ un “buon senso comune”, quello smarrito e che in milioni di persone sentono fortemente come un bisogno. E’ Diritti della Natura perché l’Uomo, nell’economia del bene comune, sa riconoscere il proprio limite e offrire le proprie (grandi) capacità al Bene Comune – quello della Comunità Terra. In Italia, questo viene volutamente tralasciato dai partiti: tutti, nessuno escluso. Nemmeno a parole, provano a parlare di Ecologia e Diritti della Natura. Ci sono nuovi movimenti, che includono elementi di “economia del bene comune” e “diritti della natura”.

Ecco cosa significa dunque. Il nostro Michil Costa, attivo con la Costa Foundation in progetti internazionali fondati su questa etica e questa pratica, pubblicherà prossimamente un articolo, “L’economia del bene comune, cosa è?” che inizia così:

È una corrente di pensiero laico ideata da un giovane economista austriaco Christian Felber. Egli ha raccolto in un libro “ L`economia del bene comune” (2012,Tecniche Nuove) il profondo bisogno di rinnovamento e di recupero di valori di cui si sente da tempo il bisogno in molti paesi europei.

L’economia del bene comune